Questo sito è attualmente in manutenzione.
Alcune operazioni, come commenti o iscrizione all’area riservata, non sono ora disponibili. Tutte le attività verranno ripristinate quanto prima.

Questo sito è attualmente in manutenzione.

Alcune operazioni, come commenti o iscrizione all’area riservata, non sono ora disponibili. Tutte le attività verranno ripristinate quanto prima.

Skin life blog

Legame fra
ciclo e acne

I nostri esperti

Dr Brigitte LetombeDr Brigitte LetombeGynécologue au CHRU de Lille

Il ciclo femminile è regolato da ormoni suscettibili di provocare gli episodi di acne. La dottoressa Brigitte Letombe, ginecologa presso il CHRU di Lille, si sofferma sulle fasi che scandiscono la regolazione mestruale e il loro impatto sulla pelle.

Il ciclo femminile può influenzare la qualità della pelle?

Non è automatico ma certamente è possibile. In funzione delle diverse fasi del ciclo, certe donne sono interessate da episodi di acne. Altre saranno soggette a gonfiori, altre ancora avranno il seno particolarmente sensibile … la colpa è sempre degli ormoni!

In quali fasi del ciclo si possono manifestaregli episodi di acne?

Il ciclo mestruale ha una durata media di 28 giorni. Comincia il primo giorno delle mestruazioni e può essere suddiviso in tre parti: la fase follicolare (dal 1° al 13° giorno), l’ovulazione (14° giorno) e la fase luteale (dal 14° al 28° giorno). Durante la fase follicolare l’ovulo si sviluppa all’interno del follicolo. Dopo l’ovulazione (quando l’ovulo ha lasciato l’ovaio), il follicolo forma una piccola ghiandola chiamata corpo luteo: è questa la fase luteale. Se l’ovulo non viene fecondato, il corpo luteo scompare dopo 12 giorni, il tasso ormonale diminuisce drasticamente e iniziano le mestruazioni. Nelle donne ipersensibili, i cambiamenti ormonali associati alle diverse fasi del ciclo possono causare episodi di acne. In generale, questi episodi si manifestano appena prima delle mestruazioni: in questo caso si parla di sindrome premestruale.

Esistono rimedi in grado di agire contrastando gli sconvolgimenti ormonali del ciclo?

L’azione più radicale è quella della pillola in quanto “blocca” il funzionamento del ciclo. In un certo senso si può dire che lo mette a riposo. Se il ciclo è a riposo, gli sconvolgimenti ormonali che si manifestavano durante le sue fasi scompaiono.