Sole, imperfezioni e pelle grassa: consigli per combattere l’effetto “rebound”

Le vacanze sono appena finite e sulla pelle possono comparire imperfezioni , anche se il viso non ha ancora perso la sua abbronzatura estiva. Come mai?


E se il sole non fosse veramente amico della pelle grassa con imperfezioni? La dermatologa Joëlle Sebaoun ci spiega dettagliatamente che cos’è il fenomeno chiamato “effetto rebound”: «Il sole tende a seccare i brufoli, per questo la pelle appare più pulita. Ma i raggi UV sono altrettanto responsabili dell’ispessimento dell’epidermide che causa l’accumulo di sebo nei pori ostruendoli. Iniziano quindi a spuntare brufoletti e punti neri».

Dopo l’estate dichiara guerra a brufoli e imperfezioni!


Con i corretti accorgimenti brufoli e punti neri non saranno più una preoccupazione. Durante l’estate la protezione solare gioca un ruolo decisivo nel trattamento della pelle con imperfezioni. Ma anche al ritorno dalle vacanze è importante mettere in pratica una strategia mirata. Per capire quale trattamento utilizzare, abbiamo consultato una specialista della pelle, Loubna Id Said, esperta in dermocosmesi. Il metodo che suggerisce consiste in una pulizia corretta e regolare, nell’idratare la pelle in modo specifico e nel scegliere un make-up adatto.

La pulizia del viso


«Quando vediamo apparire brufoli e punti neri possiamo avere la tentazione di effettuare uno scrub, ma bisogna resistere! Una pulizia aggressiva non farà altro che peggiorare le cose, soprattutto se si ha una pelle sensibile». Perché? Perché uno scrub aggressivo aumenterebbe ancora di più la produzione di sebo. Utilizza un detergente delicato, formulato appositamente per le pelli grasse: ad esempio, un gel senza sapone o una soluzione micellare.

Trattamenti specifici


Una pelle libera dai residui e cellule morte è più pulita. «I trattamenti contenenti acido salicilico o glicolico sono una scelta efficace. Questi agenti esfolianti aiutano a rimuovere le cellule morte e liberare i pori: per una pelle come rigenerata». Contrariamente a quanto si pensa, anche la pelle grassa deve essere idratata: «Meglio preferire un prodotto non grasso, dalla texture leggera e formulata specificatamente per le pelli con imperfezioni.

Il make-up per pelli grasse


L’obiettivo è valorizzare la naturale luminosità del viso opacizzandolo, per eliminare l’effetto lucido. «È importante optare per un fondotinta a lunga tenuta adatto alle pelli grasse. Per esempio, un prodotto che contiene micro-pigmenti evita di ottenere un effetto “stratificato”, che può appesantire il look. Meglio ancora: scegliere un fondotinta che permette alla componente grassa di svanire, lasciando sulla pelle solo i pigmenti».

I nostri prodotti

I più letti

go to top