Perdita di capelli: processo normale o indice di un problema?

A tutti ogni giorno cadono capelli, ma quando bisogna preoccuparsi? Affronta il problema nel modo giusto. Leggi i consigli di Vichy per sapere di più!

Scopri come capire se i capelli lasciati sul cuscino o nel lavandino sono un processo temporaneo o l’inizio di un problema


Quand’è che dobbiamo iniziare a preoccuparci se ogni giorno registriamo un fenomeno di perdita di capelli? Ecco quando si tratta di un problema temporaneo o dell’inizio di qualcosa di più serio.

Dipende dal numero


Iniziamo col definire il "normale" fenomeno della perdita di capelli. Abbiamo chiesto a Pascale Mora, responsabile della comunicazione scientifica di Vichy, per avere dei numeri di riferimento. Mora sostiene che "il 90 - 95%  dei capelli di una persona in buona salute è sempre fase di crescita. Il 5 - 10% dei capelli, invece, non è attivo ed è pronto a cadere"". Ma Pascale Mora si affretta a rassicurarci: "Per fortuna, i follicoli capillari sono indipendenti l'uno dall'altro e ciò fa si che i nostri capelli non cadano tutti in una volta!” Resta, tuttavia, il fatto che se ne perdono alcune decine al giorno.
Ma allora quanti capelli possiamo disperdere? Secondo Pascale Mora: “E' normale perdere da circa 50 a 100 capelli al giorno. Non allarmatevi se ne trovate qualche decina sulla spazzola. Tuttavia, se al mattino il cuscino ne è coperto o se ne trovate una manciata sotto la doccia, è probabile che si tratti di un fenomeno di caduta temporanea."

E gli ormoni?


A causa dell'influenza dell’esposizione al sole stagionale sugli ormoni steroidei, tutti i mammiferi, compreso l'uomo, tendono a perdere più capelli in autunno. I cambiamenti ormonali sono all’origine della perdita di capelli di cui spesso soffrono le giovani mamme. Infatti, i capelli che sarebbero dovuti cadere negli ultimi nove mesi sono trattenuti dagli ormoni della gravidanza. Quando i livelli di estrogeni tornano alla normalità dopo il parto, il capello perde il suo ancoraggio legato ai livelli ormonali e cade. Questo processo, tuttavia, è temporaneo e solitamente si regola dopo pochi mesi.
Inoltre, uno shock fisico o emotivo può causare una caduta di capelli improvvisa, che si verifica tre o quattro mesi dopo l'accaduto. Anche in questo caso, gli ormoni sono i responsabili, ma man mano che il corpo e il morale si ripristinano, i capelli riacquistano il loro normale ciclo.

Non fatevi venire i capelli bianchi!


Anche se si perde una quantità di capelli che sembra importante, finché la normale crescita capillare persiste e la densità dei capelli rimane stabile, non c'è bisogno di preoccuparsi. Tuttavia, se i vostri capelli perdono visibilmente volume durante i cambi di stagione o se notate la comparsa di alcune zone di diradamento, chiedete consiglio al vostro farmacista. Se la caduta è improvvisa o grave, non esitate a consultare un dermatologo. Egli sarà in grado di rilevare problematiche o patologie in atto (carenza di ferro, disturbi della tiroide o ormonali, effetti collaterali di farmaci...) che possono contribuire alla perdita di capelli.

Pascale Mora
Responsabile della comunicazione scientifica di Vichy

SKINCONSULT AI ANALISI DELLA PELLE

UN ALGORITMO AD ALTA PRECISIONE

Per la tua routine personalizzata

INIZIA E RICEVI IL CAMPIONE