OK

OKCancel

Thank you

Close

L’acqua del rubinetto: è amica o nemica della pelle sensibile?

La questione è tuttora assai dibattuta... Alcuni dermatologi la ritengono responsabile dell'eccessiva secchezza e la sconsigliano sistematicamente.

Altri al contrario la raccomandano per la pelle che non presenta particolari criticità. Utilizzarla o no? Si continua a discuterne…

Una scelta ragionata

Per Michel Le Maître, dermatologo, “l’utilizzo dell’acqua del rubinetto deve essere fatto con avvedutezza. L’importante è infatti preservare la qualità ottimale del film idrolipidico che svolge la funzione di barriera protettiva sulla superficie della pelle”. La soluzione pertanto è una: rimanere in ascolto. La pelle tira, si arrossa? È chiaro che il calcare e il cloro la irritano. Tuttavia, questa non è una buona ragione per rinunciare a usarla. “Applicata fresca sulla pelle, ne favorisce la luminosità e riduce la visibilità dei pori”.

Una durezza controllabile

A meno che non viviate in montagna dove l’acqua del rubinetto è decisamente più pura, in città gli addolcitori d’acqua sono l’alternativa ideale. Grazie ad un sistema filtrante purificano l’acqua dura dal cloro e dal calcare: se ne facciamo uso, possiamo essere sicuri che le cellule dell’epidermide ritroveranno la loro bellezza originale. Per sapere se ne avete bisogno, queste cartine passate sotto l’acqua ne misurano la durezza.

I gesti che sono la salvezza della pelle sensibile

Visto che i dermatologi raccomandano all’unisono la pulizia della pelle mattino e sera, occorre individuare i gesti giusti. Presto fatto! Beninteso, per la pelle sensibile, è meglio preferire i prodotti senza risciacquo come le soluzioni micellari o la coppia latte struccante e tonico, che è quanto di più delicato esista per detergerla. Perfezionare la pulizia con una nebulizzazione di acqua termale lenitiva, per diluire i residui di calcare sulla superficie della pelle. Per le appassionate del make-up degli occhi: struccare con una lozione bifase prima le palpebre poi le ciglia. Sulle palpebre, appoggiare un batuffolo di cotone imbevuto di struccante, poi picchiettare e premerlo sulla zona per dieci secondi per sciogliere bene il trucco. Sulle ciglia, una volta imbevuto di struccante un batuffolo di cotone, piegarlo così da afferrare la frangia delle ciglia e tenere premuto per qualche secondo. Infine, fare scivolare il batuffolo verso l’angolo esterno dell’occhio per eliminare accuratamente ogni traccia di mascara.

Michel Le Maitre
Dermatologo Consulente scientifico per Vichy

I nostri prodotti

I più letti

Avocados-and-donts-for-healthy-skin

Lifestyle

Avocado - cose da fare e da evitare per una pelle dall’aspetto giovane e sano

Amato dai food blogger di tutto il mondo, con oltre 4.686.153 post e visualizzazioni su Instagram (ebbene sì), l’avocado oggi è un alimento primario nella cucina di ogni foodie che si rispetti. Ma qual è il vero vantaggio di aggiungere alla lista della spesa questo ingrediente che si dice sia miracoloso? Abbiamo chiesto a due esperti, la dottoressa Nina Roos e Raphaël Gruman, quali sono i modi migliori per godere dei benefici che questo frutto offre alla pelle e una spiegazione delle basi scientifiche su cui si fondano.

Leggi l’articolo

Oranges-experts-juicy-tips-for-beautiful-skin

Lifestyle

Arance: i succulenti consigli degli esperti per la bellezza della pelle

Noi tutti sappiamo quanto sia importante mangiare frutta e verdura a foglia in quantità sufficiente; ma quando si tratta di assicurare che i nostri livelli di vitamina C rimangano ottimali, l’umile arancia si aggiudica la corona. Oltre a essere ricca di antiossidanti, grandi amici della pelle, un solo frutto, anche di dimensioni inferiori alla media, apporta due terzi della dose giornaliera raccomandata di vitamina C. Abbiamo chiesto consiglio al nutrizionista Raphaël Gruman e alla dottoressa Nina Roos, dermatologa, su come e perché dobbiamo accrescere la presenza delle arance nella nostra dieta.

Leggi l’articolo

go to top