OK

OKCancel

Thank you

Close

Slow Âge testato in condizioni di vita reali

Abbiamo parlato con Sabine Laquieze, dermatologa responsabile di un centro di ricerche biomediche indipendente che ha condotto i test cosmetici per il prodotto Slow Âge di Vichy.

D: Slow Âge è stato sottoposto a test interessanti. Può dirci qualcosa di più?


R: Certo, la peculiarità di questi test è che Vichy ha confrontato l’efficacia del nuovo prodotto Slow Âge rispetto a un gruppo di donne che usavano il loro trattamento abituale.

D: Qual è stato il ragionamento alla base di questo studio cosmetoclinico? Come si è sviluppata l'idea?


R: L’idea era dimostrare l’efficacia del prodotto nel tempo e in condizioni di vita reali, con donne vere.

D: Qual era lo scopo della struttura del test?


R: L’obiettivo era avere due gruppi sottoposti a nove fattori dell’esposoma (variabili esterne quali UV, inquinamento, fumo o clima, e variabili interne quali stanchezza, stress, emozioni, abitudini alimentari e quantità di sonno) e, in particolare, i due gruppi dovevano subire la stessa esposizione agli UVA.

D: Quante donne hanno partecipato al test e in quali condizioni?


R: 120 donne hanno preso parte al test, suddivise in due gruppi. Un gruppo ha usato Slow Âge e l’altro ha continuato a usare il proprio trattamento abituale. Ho intervistato le donne durante la fase di reclutamento per verificare i criteri di idoneità clinica, proponendo un questionario sullo stile di vita riguardante i fattori ambientali ed emozionali. Alle donne selezionate è stato dato un bracciale con sensore UV, che è stato restituito ogni 15 giorni per le letture di misurazione degli UVA. Lo studio è durato due mesi e le valutazioni cliniche sono state fatte all’inizio dello studio e alla fine di ogni mese.

D: Perché era così importante misurare l’impatto degli UV?


R: Gli UV hanno un impatto rilevante sull’invecchiamento cutaneo. Perché si potessero confrontare i due gruppi era essenziale un fattore principale di influenza. Solitamente questo viene fatto in un ambiente di laboratorio controllato; il bracciale per il monitoraggio degli UV era un modo per essere rigorosi nella vita reale.

D: Può rivelarci qualche risultato dello studio?


R: Abbiamo riscontrato che, rispetto al gruppo che applicava i cosmetici abituali, il gruppo che usava Slow Âge mostrava una riduzione più marcata dell’aspetto delle macchie scure, delle rughe sulle guance, della perdita di volume e della visibilità dei pori. Nel complesso, la maggior parte del gruppo che ha usato il prodotto Slow Âge ha riferito che la pelle risultava più liscia (92%) e più luminosa (81%); dopo otto settimane l’89% ha riferito che la pelle era diventata più morbida, l’87% che la pelle appariva  più sana e il 71% che la pelle appariva più forte. 

I nostri prodotti

  • 20970Trattamento quotidiano correttivo dei segni dell’età in formazione SPF254.11155NewSLOW AGEFACE CARECreme giornoAnti-età
    Trattamento quotidiano correttivo dei segni dell’età in formazione SPF25
  • I più letti

    go to top