OK

OK Cancella

Grazie

Chiudi

Cosa Sapere sulla Menopausa a 45 Anni

Alcune donne possono entrare in menopausa anche a 45 anni; questa condizione è chiamata menopausa precoce e si verifica dal momento in cui, per cause spontanee oppure indotte, l’attività ovarica si arresta e i cicli mestruali scompaiono.

Cosa Sapere sulla Menopausa a 45 Anni

Quando le ovaie cessano di funzionare, smettono di produrre ovuli e ormoni; fisiologicamente, questo processo inizia tra i 45 e i 55 anni di età ed è sinonimo della fine del periodo fertile per una donna. Se andare in menopausa a 45 anni non desta poi tanto stupore, parlare di climaterio anche prima dei 45 anni appare, nell'opinione comune, come un qualcosa di poco naturale, eppure, i casi di menopausa precoce sono in costante aumento.

È importante precisare che l’insufficienza ovarica precoce (POF - Premature Ovarian Failure) può anche essere un fenomeno transitorio. In questo caso, l’attività ovarica può procedere in maniera intermittente per diversi anni: la donna può quindi avere dei cicli mestruali alternati a periodi di amenorrea e può dunque avere anche la possibilità di restare incinta. Una donna si ritiene ufficialmente entrata in menopausa precoce, invece, quando smette definitivamente di avere le mestruazioni e non può quindi più avere una gravidanza.

Menopausa precoce: cause

Entrare in menopausa precocemente, anche prima dei 45 anni, può dipendere da diversi fattori: alla base di una menopausa precoce è possibile individuare cause genetiche, come ad esempio delle anomalie a livello di cromosomi, cause chirurgiche, per asportazione delle ovaie e/o dell’utero, cause iatrogene, dovute a terapie mediche come chemioterapia o radioterapia, cause autoimmuni, nelle malattie autoimmuni. Infatti l’organismo può produrre anticorpi che possono attaccare anche le ovaie, cause sistemiche, individuate nelle malattie cronico-degenerative come diabete, insufficienza renale, cause infiammatorie o infettive, per danneggiamento dell’apparato genitale, è infine importante sottolineare che anche fumo, abuso di alcol e la familiarità, possono annoverarsi tra le concause di un’entrata precoce in menopausa.

Menopausa precoce: sintomatologia

I sintomi della menopausa precoce sono diversi e possono variare da persona a persona. In linea più generale molte donne dichiarano di avere gli stessi sintomi che si possono avvertire durante una menopausa naturale, altre invece non lamentano alcun sintomo, fatta eccezione per l’infertilità.

Le donne che entrano in menopausa precocemente possono quindi soffrire di:

  • Cessazione o irregolarità marcata del ciclo mestruale
  • Vampate di calore
  • Sudorazione notturna
  • Problemi alla vescica (incontinenza o aumento della frequenza della minzione)
  • Caduta dei capelli
  • Secchezza della pelle
  • Aumento di peso
  • Tachicardia
  • Secchezza vaginale
  • Dolore durante i rapporti sessuali
  • Diminuzione del desiderio sessuale
  • Insonnia
  • Irritabilità
  • Sbalzi d’umore
  • Depressione

I cambiamenti sia fisici che emotivi che incorrono in questo delicato periodo per una donna, possono portare, inoltre, alla perdita di fiducia in sé stesse e all’abbassamento della propria autostima, con un conseguente aumento di malessere psicologico e senso di ansia. Per questo motivo, in caso di menopausa precoce, è importantissimo rivolgersi tempestivamente al proprio medico di fiducia che potrà dare suggerimenti utili per impostare uno stile di vita corretto e prescrivere una terapia specifica.

I più letti

go to top